Rinnovamento in notturna per Suite Rapide

All'opera Suite Rapide nel Dipartimento di Allier

All’opera il terzo cantiere ferroviario 2021 di GCF - Transalp Renouvellement

Nel Dipartimento di Allier, lungo la linea 750 000 Moret - Lione, il terzo cantiere Suite Rapide 2021 di GCF – Transalp Renouvellement è all’opera per il rinnovamento integrale di circa 40 chilometri di ferrovia nella tratta compresa tra Saint-Germain-des-Fossés e Moulins.

I lavori, di notte, sono stati avviati il 22 febbraio e nelle previsioni dovranno concludersi tra circa un mese, il 22 aprile. Circa 170 gli operai GCF e Gefer coinvolti, oltre ai 30 manutentori specializzati che, suddivisi in due distinte équipe – sono impegnati nelle quotidiane e meticolose procedure di messa a punto dei super convogli che fanno capo al Treno di Rinnovamento P95 e alla Risanatrice C75-2C.

Lungo il binario 2 della tratta interessata dal cantiere, La Suite Rapide provvederà alla vagliatura e al rinnovamento della massicciata in ballast, alla sostituzione delle traversine e, limitatamente ad alcuni segmenti, rimpiazzando anche le rotaie. I lavori procedono dalle 21:00 alle 5:00 in regime di sospensione simultanea del traffico ferroviario che, sulla linea, è consentito fino a 160 km/ora.

Severe le misure di sicurezza messe in atto per eliminare o, quantomeno, mitigare i fattori di pericolo. Ad iniziare dal rischio elettrico: la linea ferroviaria, alimentata a 25000 V, è considerata integralmente “zona blu” in quanto le catenarie sono a meno di 5 metri dalla superficie di scorrimento e, dunque, costituiscono motivo di attenzione costante non solo per i convogli ad alta efficienza operativa impiegati, ma per gli stessi mezzi strada-rotaia che, come i caricatori, sono stati dotati di dispositivi che ne limitano i movimenti in altezza.

Le misure di attenzione per l'ambiente e la salute

20201110 GCF SuiteRapide Fons 2

In considerazione del fatto che quasi la totalità delle tratte in lavorazione attraversano aree di protezione ambientale, inoltre, tutte le macchine impiegate, dai locomotori agli escavatori, sono state dotate di kit anti-inquinamento e, nei piazzali di ricovero mezzi allestiti presso le stazioni di Saincaize-Meauce (quello principale, a Nord) e di Gannat (il piazzale secondario), tappeti anti-contaminanti sono stati installati lungo i binari di manutenzione delle macchine da cantiere.

Due le stazioni ferroviarie che saranno attraversate dal cantiere Suite Rapide. In entrambe, a Bessay e a Varennes sur Allier, la direzione lavori ha predisposto un particolareggiato piano di sicurezza volto a regolamentare lo stoccaggio delle attrezzature in uso in modo da limitare eventuali disagi ai passeggeri ed evitare rischi, in particolare, nelle aree di accesso ai treni.

Rigidamente regolamentate, inoltre, le modalità di accesso alle singole tratte oggetto di lavorazione: la tratta ferroviaria che Suite Rapide sta rinnovando corre adiacente a strade sulle quali – a causa di concomitanti cantieri stradali – è dirottato giorno e notte gran parte del traffico pesante che interessa la zona.

I fattori di rischio, diretti e indiretti, sono sempre molti – si sottolinea alla Direzione di GCF Franceed ogni cantiere Suite Rapide viene accompagnato da un corposo Piano di Sicurezza che mira a prevedere e mitigare le cause di possibili incidenti e a preservare la salute dei lavoratori e dei cittadini”. Nel caso del cantiere Saint-Germain-des-Fossés e Moulins, a ridosso della riserva naturale della Valle d’Allier, ai molti fattori “consueti” di rischio se ne aggiungono due ulteriori: la fauna selvatica da tenere costantemente d'occhio per evitare che, attraversando repentinamente strade e binari, diventi causa di incidenti e danni e, davvero peculiare della zona, il rischio di punture di calabroni asiatici, con il loro pungiglione, lungo 6 mm, sono in grado di iniettare grandi quantità di un potente veleno che, in alcuni casi di allergia, può risultare perfino letale o avere, comunque, effetti importanti sulla salute.
“Attacchi di calabroni asiatici si sono già verificati nella zona di costruzione. Per questo la procedura di sicurezza prevede che qualsiasi nido venga rilevato nel sito di lavoro o nelle vicinanze comporti l’immediata sospensione dell’attività e la tempestiva segnalazione ai Vigili del Fuoco perché intervengano a neutralizzare la minaccia”.

Resta, infine, la perdurante necessità di far fronte ai rischi pandemici Covid-19 con stringenti misure che regolamentano i comportamenti sul lavoro e nel corso della permanenza nelle strutture ricettive. In ottemperanza alle nuove disposizioni normative in materia di spostamenti internazionali, inoltre, tutto il personale specializzato residente in Italia viene regolarmente sottoposto - direttamente in Hotel - a test molecolari PRC con validità 72 ore grazie alla convenzione che GCF ha stipulato con un Laboratorio di analisi di Nevers. In questo modo è possibile garantire ai dipendenti italiani la possibilità di fuire di voli aerei per un più agevole e regolare rientro a casa nel weekend.

2021.03 GCF Suite Rapide C3 1